Fig.1: PRI 0160, Frammento di alzata di coperchio di sarcofago con scena di banchetto
Fig.2: Ricostruzione secondo Wilpert 1929-36, tav. CCLV,4

Descrizione

Frammento pertinente ad un'alzata di coperchio di sarcofago con tabulaTavoletta quadrangolare in cui inserire l'iscrizione incisa o dipinta. Ansata: con ornamenti laterali a coda di rondine. Anepigrafe: senza incisione. inscriptionis centrale.
Nel campo che si sviluppa tra quest'ultima e l'acroterioParola derivante dal greco che genericamente indica qualsiasi parte prominente. Nello specifico indica un elemento decorativo o figurato che corona il vertice o gli angoli di una architettura o di una scultura architettonica. laterale in forma di maschera giovanile, doveva trovare posto una scena di banchetto, attualmente limitata ad una mensa a forma di sigma, dietro alla quale è seduto uno dei commensali, rivolto verso il centro. Davanti alla mensa una serie di pani crocesignati.
Un listello piatto, infine, delimita l'acroterioParola derivante dal greco che genericamente indica qualsiasi parte prominente. Nello specifico indica un elemento decorativo o figurato che corona il vertice o gli angoli di una architettura o di una scultura architettonica., come già detto, in forma di testa giovanile, la fronte solcata da una ruga orizzontale, l'occhio con palpebra rilevata, naso dritto, bocca carnosa semiaperta. I capelli, a parte un ciuffo sulla fornte che ha corte ciocche verticali, scendono morbidi lungo le guance e si arricciano ai lati del viso dove è indicata con sottili scalpellature la peluria della barba: una maschera analoga, in un contesto similare, è quella del coperchio di sarcofago di Baebia Hermophile (Museo Nazionale Romano. Le sculture, I,8,1, Roma 1985, III,11: R. Belli).
Il rilievo si rivela molto accurato, con chiaroscuri nelle chiome e sfumature di piani nel volto della maschera; piuttosto inconsistente nelle figure della scena di banchetto, rese con pochi tratti sciatti ed estremamente semplificati.
Per l'interpretazione della scena sono stati proposti differenti significati, dall'Eucarestia al banchetto delle anime nell'aldilà, al banchetto funerario terreno.

Cronologia

non giudicabile

Manifattura

romana

Provenienza

Roma, dall'area delle catacombe di Priscilla

Rinvenimento

Scavi del 1890-1906

Materiale

marmo

Stato di Conservazione

Mutilo il margine laterale sinistro e parzialmente anche lungo il superiore. Il frammento è stato restaurato nel 2010.

PRI 0160 altezza:34 larghezza:37 spessore:5

Bibliografia

Himmelmann 1973
N. Himmelmann, Typologische Untersuchungen aus römischen Sarkophagreliefs des 3. Und 4. Jahrunderts n. Chr., Mainz 1973.
Wilpert 1929-1936
J. Wilpert, I sarcofagi cristiani antichi, I-III, Città del Vaticano 1929-1936.

Glossario

Tabula
Tavoletta quadrangolare in cui inserire l'iscrizione incisa o dipinta. Ansata: con ornamenti laterali a coda di rondine. Anepigrafe: senza incisione.
Acroterio
Parola derivante dal greco che genericamente indica qualsiasi parte prominente. Nello specifico indica un elemento decorativo o figurato che corona il vertice o gli angoli di una architettura o di una scultura architettonica.

C.S. / B.M.