Fig.1: PRI 0187, Frammento di sarcofago a vasca con scena di caccia

Descrizione

Il frammento marmoreo, dalla superficie leggermente curva, può essere messo in relazione con un sarcofago a vasca di cui costituirebbe una delle estremità.
Gli elementi del rilievo, per quanto limitati dalle fratture, si riferiscono ad un assalto di leoni che tentano di sbranare un bovide. Sono parzialmente riconoscibili le due fiere (quella a sinistra limitata a poche tracce del pelame e ad una zampa) e parte del toro (?), rappresentato con il muso sollevato in atto di divincolarsi, lunghe corna e il giogo. La pelle dell'animale è resa da una singolare "quadrettatura" con linee oblique che si intersecano, debolmente accennate.
L'impostazione della scena risulta abbastanza singolare e sicuramente non trova confronti diretti nella più consueta rappresentazione del gruppo di leone e preda disposti sui lati delle lenoi (sull'argomento e sul significato della scena ampia bibliografia in Museo Nazionale Romano. Le sculture, I,8,1, Roma 1985, I,1, p. 1ss. a proposito di una lenòsdal greco, tinozza per la pigiatura dell'uva. strigilata).
Il frammento di Priscilla potrebbe piuttosto rappresentare una scena di caccia, giustificando in tal modo la presenza di due fiere che assaltano contemporaneamente il bovide.
Il rilievo molto schiacciato e la trattazione piuttosto sommaria delle superfici, unitamente alla frammentarietà degli elementi decorativi, non consentono che una generica datazione nella seconda metà del III secolo.

Cronologia

seconda metà del III secolo

Manifattura

romana

Provenienza

Roma, dall'area delle catacombe di Priscilla

Rinvenimento

Scavi del 1890-1906

Materiale

marmo

Stato di Conservazione

Mutilo su tutti i lati. Restaurato nel 2010.

PRI 0187 altezza:19 larghezza:55 profondita:15

Bibliografia

Inedito.

Glossario

Lenòs
dal greco, tinozza per la pigiatura dell'uva.

C.S. / B.M.