Fig.1: PRI 0258, Frammento di alzata di coperchio di sarcofago con delfini

Descrizione

La lastra, delimitata lungo il margine superiore da un breve listello liscio, è pertinente ad una alzata di coperchio di sarcofago e ne costituisce parte del campo sinistro.
Qui sono rappresentate due copie di delfini, solo in parte visibili, natanti verso destra, con i dorsi molto arcuati, le code a terminazione trifida (quella al centro esubera oltre il campo), i lunghi becchi. Una decorazione analoga con coppie di delfini natanti in direzione della tabulaTavoletta quadrangolare in cui inserire l'iscrizione incisa o dipinta. Ansata: con ornamenti laterali a coda di rondine. Anepigrafe: senza incisione. si deve supporre anche per il settore sinistro dell'alzata, dal momento che questa iconografia, con delfini singoli o in coppie convergenti verso il centro è assai diffusa sulle alzate dei sarcofagi dalla fine del III agli inizi del V secolo. Il delfino infatti associa al carattere decorativo di caratterizzazione delle onde marine quello funerario di conduttore delle anime alle Isole dei Beati (A. Rumpf, Die Meerwesen auf den antiken Sarkophagreliefs, V.1. Berlin 1939, p. 97 ss.).
In questo caso si trova una collocazione cronologica tra la fine del III e gli inizi del IV secolo. Per un confronto: Museo Nazionale Romano. Le sculture, I,10,2,I, Roma 1988, n. 38.

Cronologia

fine del III - inizi del IV secolo

Manifattura

romana

Provenienza

Roma, dall'area delle catacombe di Priscilla

Rinvenimento

Scavi del 1890-1906

Materiale

marmo

Stato di Conservazione

Mutilo su tutti i lati, tranne lungo il margine superiore. Restaurato nel 2010; ricomposta da due frammenti.

PRI 0258 altezza:17 larghezza:33 spessore:2

Bibliografia

Inedito.

Glossario

Tabula
Tavoletta quadrangolare in cui inserire l'iscrizione incisa o dipinta. Ansata: con ornamenti laterali a coda di rondine. Anepigrafe: senza incisione.

C.S. / B.M.