Fig.1: PRI 0373, Coperchio di sarcofago a doppio spiovente

Descrizione

Coperchio di sarcofago a doppio spiovente, formato da finte tegole tra coppi terminanti con antefisse a maschera tragica e, al centro, una tabella rettangolare anepigrafe.
Le maschere, dai volti schiacciati, con grande bocca e occhi tondi e forati e bozze frontali rilevate, sono incorniciate da una capigliatura esuberante a riccioli segnati da profondi canaletti di trapano.
Tale forma di coperchio, che risale a modelli greco-orientali, nell'ambito della produzione romana sembra caratteristica dell'ultimo trentennio del III secolo (cfr. M. Gütschow, Das Museum der Pratextat Katakombe, in Mem.PARA, IV, 1938, p. 129 ss.): confronti si possono istituire con un coperchio del Museo delle Terme (Museo Nazionale Romano. Le sculture, I,3, Roma 1983, II, 13, p. 45 ss.), di Pretestato (Gütschow 1938, p. 141 ss., tav. XXIII,2) e del Louvre (F. Baratte, C. Metzger, Musée du Louvre. Catalogue des sarcophages en pierre d'époque romaine et paleochrétienne, Paris 1985, nn. 141, 142). Con il primo condivide la resa stilistica, con l'ultimo la presenza della tabulaTavoletta quadrangolare in cui inserire l'iscrizione incisa o dipinta. Ansata: con ornamenti laterali a coda di rondine. Anepigrafe: senza incisione. inscriptionis centrale.

Cronologia

ultimo trentennio del III secolo

Manifattura

romana

Provenienza

Roma, dall'area delle catacombe di Priscilla

Rinvenimento

Scavi del 1890-1906

Materiale

marmo

Stato di Conservazione

Lacunoso lo spigolo sinistro. Restaurato nel 2010.

PRI 0373 altezza:7 larghezza:86 profondita:36

Bibliografia

Inedito.

Glossario

Tabula
Tavoletta quadrangolare in cui inserire l'iscrizione incisa o dipinta. Ansata: con ornamenti laterali a coda di rondine. Anepigrafe: senza incisione.

C.S. / B.M.