Fig.1: PRI 0620, Frammento di fronte di sarcofago strigilato con mandorla centrale

Descrizione

Il reperto è pertinente ad una fronte di sarcofago strigilato con mandorla centrale.
E' delimitato in alto da un listello semplice e da una gola rovescia e conserva strigilature convergenti verso il centro, dove si forma una mandorla. In questo spazio, sottili incisioni sembrano delineare una botte, rappresentazione molto frequente, di carattere dionisiaco e alludente alla rigenerazione dell'anima (M. Sapelli, Monumento funerario di un archiatra imperiale reimpiegato in un sarcofago strigilato, in Bullettino della Commissione archeologica comunale di Roma, XCI,1, 1986, p. 72).
La scansione della fronte in campi strigilati interrotti al centro da un pannello figurato o da una mandorla e limitati alle estremità da colonnine o pilastri è piuttosto usuale nella produzione di fine II - III secolo (cfr. G. Koch, H. Sichtermann, Römische Sarkophage, Munchen 1982, fig. 2,4, n. 5, p. 75; fig. 8, p. 75).
La collocazione cronologica di tali sarcofagi, dispersi e conservati per lo più in frammenti, è molto difficile. La frequenza comunque con cui questa serie è documentata da frammenti in chiese e cimiteri paleocristiani, può confermare l'ipotesi che il tipo fosse preferito in età tardo-imperiale.

Cronologia

non giudicabile

Manifattura

romana

Provenienza

Roma, dall'area delle catacombe di Priscilla

Rinvenimento

Scavi del 1890-1906

Materiale

marmo

Stato di Conservazione

Mutilo su tutti i lati, tranne lungo il margine superiore. Restaurato nel 2010.

PRI 0620 altezza:38 larghezza:53,5 spessore:4,5

Bibliografia

Inedito.

A.M.R. M.B. / B.M.