Fig.1: PRI 0647, Frammento di fronte di sarcofago con erote e genio stagionale

Descrizione

Il reperto, seppure di esigue dimensioni, risulta pertinente ad una fronte di sarcofago presumibilmente decorata dalla figura del defunto accompagnato da geni ed eroti.
Di questo schema rimangono, acefale e mutile, due figure giovanili nude, entrambe frontali. A sinistra una figura di modulo minore, la cui clamideMantello corto, affibbiato su una spalla o sul petto, che lasciava libero un braccio o entrambe le braccia, usato dagli antichi Greci e dai Romani. scende fino alle gambe, che sorregge con la sinistra un bastone; a destra il ventre, la gamba destra e parte del panneggio della clamideMantello corto, affibbiato su una spalla o sul petto, che lasciava libero un braccio o entrambe le braccia, usato dagli antichi Greci e dai Romani. di un secondo fanciullo di maggiori proporzioni. Si potrebbe ipotizzare che il primo erote sorregga il clipeo, mentre il secondo potrebbe essere una personificazione di stagione, secondo uno schema abbastanza frequente (cfr. ad es. Museo Nazionale Romano. Le sculture, I,10,2, Roma 1988, n. 247m 251, in cui eroti funerari sono affiancati da geni che sostengono il clipeo).

Cronologia

non giudicabile

Manifattura

romana

Provenienza

Roma, dall'area delle catacombe di Priscilla

Rinvenimento

Scavi del 1890-1906

Materiale

marmo

Stato di Conservazione

Mutilo su tutti i lati. Il frammento รจ stato restaurato nel 2010.

PRI 0647 altezza:24 larghezza:28 spessore:6

Bibliografia

Inedito.

Glossario

Clamide
Mantello corto, affibbiato su una spalla o sul petto, che lasciava libero un braccio o entrambe le braccia, usato dagli antichi Greci e dai Romani.

C.S. / B.M.