Fig.1: PRI 0663, Frammento di fronte di sarcofago baccellato con riquadri figurati

Descrizione

Fronte frammentaria di sarcofago baccellato e rudentato (sull'origine architettonica e sull'uso decorativo delle baccellature rispetto alle strigilature cfr. M. Gütschow, Sarkophag studien, in Mitteilungen des Deutschen Archäologischen Instituts, Römische Abteilung, Bd. 46, 1931, p. 17 ss.), con campo centrale figurato, tipologia legata ad una vastissima classe di esemplari, la più diffusa nella produzione urbana di III e IV secolo (G. Koch, H. Sichtermann, Römische Sarkophage, Munchen 1982, pp. 73-76).
Nel pannello centrale è inserita a tutta altezza una figura femminile in tunica e pallaCapo d’abbigliamento utilizzato dalle donne romane consistente in una sorta di mantello che si indossava uscendo di casa; un lembo di questo veniva portato anche sul capo. Corrispondeva al medesimo indumento indossato dagli uomini, chiamato pallium., stante, che regge nella sinistra il rotolo chiuso, mentre la destra, piegata, fuoriesce dal sinusTasca che si formava davanti al petto con la piega della parte superiore della toga gettata sulla spalla. della veste di cui regge un lembo. Una cortina (parapetasmaGrande telo di stoffa appesa tra gli spazi porticati per creare una cesura tra ambienti interni ed esterno.) è sospesa alle sue spalle, un fascio di volumina è posato accanto al piede sinistro.
Il volto è solamente sbozzato, i volumi sono inconsistenti e si notano delle anomalie nella trattazione del corpo.
La presenza del rotolo nelle mani della figura non implica necessariamente un inquadramento nel repertorio cristiano, dal momento che caratterizza, secondo un'iconografia usuale nel III secolo, l'immagine del defunto come homo spiritualis (ovvero dotto o amante della cultura), tuttavia la resa del rilievo fa orientare verso un ambito cronologico tardo e presumibilmente cristiano.

Cronologia

IV secolo

Manifattura

romana

Provenienza

Roma, dall'area delle catacombe di Priscilla

Rinvenimento

Scavi del 1890-1906

Materiale

marmo

Stato di Conservazione

Mutilo su tutti i lati, tranne lungo il margine superiore. Il frammento è stato restaurato nel 2010.

PRI 0663 altezza:27 larghezza:28 spessore:4

Bibliografia

Inedito.

Glossario

Parapetasma
Grande telo di stoffa appesa tra gli spazi porticati per creare una cesura tra ambienti interni ed esterno.
Sinus
Tasca che si formava davanti al petto con la piega della parte superiore della toga gettata sulla spalla.
Palla
Capo d’abbigliamento utilizzato dalle donne romane consistente in una sorta di mantello che si indossava uscendo di casa; un lembo di questo veniva portato anche sul capo. Corrispondeva al medesimo indumento indossato dagli uomini, chiamato pallium.

C.S. / B.M.