Fig.1: PRI 0654, Frammento di fronte di sarcofago con ritratto del defunto

Descrizione

Il reperto, appartenente ad un coperchio o ad un sarcofago di bambino, rientra in una tipologia molto comune che inquadra al centro dello spazio il busto del defunto dinanzi al parapetasmaGrande telo di stoffa appesa tra gli spazi porticati per creare una cesura tra ambienti interni ed esterno. (per il motivo e le sue implicazioni simboliche cfr. G. Becatti, Scavi di Ostia VI. Edificio con opus sectile fuori Porta Marina, Roma 1969, p. 193 ss.).
In questo caso la cortina tesa, come del resto tutto il rilievo, va ad occupare, in corrispondenza della testa, parte del listello posto a margine della lastra. La forte accentuazione del movimento semicircolare del parapetasmaGrande telo di stoffa appesa tra gli spazi porticati per creare una cesura tra ambienti interni ed esterno. è giustificata anche dalla presenza di un elemento sferico sulla sommità del capo del defunto giovanetto, che può essere interpretato anche come un motivo decorativo non finito della cortina.
Il giovane, leggermente rivolto verso sinistra, è ritratto in forme piuttosto semplificate, ma non esenti da qualche tentativo di individualizzazione, come il naso largo alla base e le orecchie grandi e sporgenti.
La fissità espressiva e l'impostazione malinconica sono caratteristiche invece della ritrattistica infantile della seconda metà del III secolo (H. von Heintze, Studien zu den Portrats des 3. Jahrhunderts n. Chr., in Mitteilungen des Deutschen Archäologischen Instituts. Abteilung Rom 66, 1983, in part. p. 185), a cui bene si associano la struttura della testa ed il trattamento dei capelli corti, aderenti al cranio, segnati da brevi tratti graffiti a scalpello e infine gli occhi con pupilla forata (v. i ritratti da Alessandro Severo a Treboniano Decio in M. Bergmann, Zum römischen Portrats des 3. Jahrhunderts n. Chr., in Spätantike und fruhe Christentum, Frankfurt am Main 1983, p. 41 ss.).

Cronologia

seconda metà del III secolo

Manifattura

romana

Provenienza

Roma, dall'area delle catacombe di Priscilla

Rinvenimento

Scavi del 1890-1906

Materiale

marmo

Stato di Conservazione

Mutilo su tutti i lati, tranne lungo il margine superiore. Il frammento è stato restaurato nel 2010.

PRI 0654 altezza:19 larghezza:18,5 spessore:4

Bibliografia

Inedito.

Glossario

Parapetasma
Grande telo di stoffa appesa tra gli spazi porticati per creare una cesura tra ambienti interni ed esterno.

C.S. / B.M.